24 June 2019

Viaggiare in Italia

Viaggiare Italia è un blog che prova a fare il punto tra lo strano rapporto che esiste tra internet e il turismo. Uno strano matrimonio il cui protagonista dovrebbe essere il turista e invece, per uno dei misteri della natura umana, finisce per essere la tecnologia, il motore di ricerca.

Tutte le statistiche confermano che il giro d’affari del turismo su internet è notevole ed in costante crescita. Il numero di viaggiatori che prenota l’albergo utilizzando internet come strumento è in aumento. Quasi tutti gli alberghi hanno un sito internet e sono affiliati ad almeno un circuito di prenotazioni online. Teoricamente i veri vincitori in tutto questo dovrebbero essere gli utenti, i consumatori, gli ospiti degli albergo: è chiaro infatti che la possibilità di prenotare stando seduti davanti al computer di casa o dell’ufficio può essere comodissimo: si ha immediata certezza della disponibilità, non ci sono problemi linguistici e a volte si trovano anche informazioni ben fatte e strutturate sull’albergo e sulle vicinanze.
Molti albergatori però non amano questi portali di prenotazioni: vengono infatti costretti a una guerra al ribasso dei prezzi e vedono il loro margine eroso dalle provvigioni che devono essere versate ai portali. La gestione stessa di tutte queste affiliazioni è un’attività che porta via parecchio tempo e deve essere fatta con cura per evitare di incorrere nelle pesanti penali previste dagli accordi.

Che succede allora? A volte gli albergatori si improvvisano esperti di internet e cercano di dirottare visitatori direttamente sul proprio sito a vlte con scarsi risultati.

Troppo raramente ci si prova a porre dal punto di vista dell’ospite, cioè di chi è potenzialmente interessato a una prenotazione … ci si dimenticato che sicuramente non è interessato alla prenotazione in sè o all’albergo ma più probabilmente ha bisogno di fermarsi in quell’albergo per andare da qualche altra parte e ha quindi bisogno di informazioni di contorno …

Viaggiare in Italia è un blog e prova un po’ a raccontare quello che succede in questo pazzo matrimonio tra internet e turismo

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.